Questo il testo dell’art. 28:
All’articolo 50, comma 1, secondo periodo, del decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 346, le parole: “da lire cinquecentomila a lire due milioni” sono sostituite dalle seguenti: “da euro 250 a euro 1.000”; inoltre, dopo il secondo periodo sono aggiunti i seguenti: “Se la dichiarazione e’ presentata con un ritardo non superiore a trenta giorni, si applica la sanzione amministrativa dal sessanta al centoventi per cento dell’ammontare dell’imposta liquidata o riliquidata dall’ufficio. Se non e’ dovuta imposta si applica la sanzione amministrativa da euro 150 a euro 500.”

Questo dunque il nuovo testo aggiornato dell’art.50 TU 346/90
“Art. 50 (Omissione della dichiarazione). –
1. Chi omette di presentare la dichiarazione della successione, quella sostitutiva o la dichiarazione integrativa e’ punito con la sanzione amministrativa dal centoventi al duecentoquaranta per cento dell’imposta liquidata o riliquidata d’ufficio. Se non e’ dovuta imposta si applica la sanzione amministrativa da lire da euro 250 a euro 1.000. Se la dichiarazione e’ presentata con un ritardo non superiore a trenta giorni, si applica la sanzione amministrativa dal sessanta al centoventi per cento dell’ammontare dell’imposta liquidata o riliquidata dall’ufficio. Se non e’ dovuta imposta si applica la sanzione amministrativa da euro 150 a euro 500.”.